I 6 fattori di successo di un sito internet di un Bike Hotel

fattori successo sito internet bike hotel

Come realizzare un sito internet Bike oriented che converte

Partirò dalla mia esperienza diretta: qualche giorno fa ho ricevuto la comunicazione sulle chiusure aziendali. Ottimo, ho pensato: i “ponti” del 2017 sono davvero geniali, ideali per una mini vacanza in sella alla mia bicicletta. Così inizio a cercare un Bike Hotel in Italia dove trascorrere qualche giorno.

Risultato.

Ho trovato così tanti siti internet progettati talmente male e poveri di contenuti da farmi abbandonare la navigazione dopo pochi secondi. Da qui l’idea di riassumere in questo post alcuni consigli utili per realizzare un sito internet di un Bike Hotel con l’obiettivo di convertire e ripagare gli sforzi di progettazione.

Ecco cosa deve fare il tuo sito internet:

1# Comunicare chiaramente la tua identità bike in grado di distinguerti dagli altri Bike Hotels

Fai tuo un valore o un attributo specifico su cui costruire la tua identità colpendo così l’emotività dei ciclisti. Ad esempio: sei uno sfegatato della bici da strada, il tuo hotel si trova in un territorio ricco di salite? Fonda la tua identità sulle imprese ciclistiche, sul concetto di sfida e quello di superare i propri limiti. I visitatori sono spesso distratti ed annoiati, la loro soglia di attenzione è molto bassa (circa 8 secondi) se non vengono intrattenuti da qualcosa di davvero interessante ed in linea con quello che cercano abbandonano velocemente la navigazione. Il tuo sito, infatti, non ha più di 4 secondi per attirare l’occhio dell’utente. Per questo non devi tentare di “vendere” le camere del tuo hotel ma devi raccontargli la tua unicità, la tua identità, a partire dalla home page.

In linea generale l’home page è il punto di partenza del viaggio di acquisto di un cliente ed è proprio da qui che devi iniziare a comunicare il tuo messaggio chiaramente, indirizzato al target a cui punti e quali sono le emozioni che vuoi esprimere.

Ecco un esempio di un hotel in terra del Pirata Marco Pantani, iscritto ad un portale Bike oriented. La pagina dedicata al cicloturismo è priva di una identità, del valore aggiunto della struttura rispetto alle altre strutture bike del territorio.

2# Essere facile da navigare e call-to-action chiare e concise

Il sito internet non deve essere un labirinto o una caccia al tesoro; una agile e facile fruizione paga sempre anche a discapito degli aspetti grafici. Per questo sono fondamentali poche call-to-action, chiare e concise, tali da far affermare “sì, è quello che sto cercando”.

Ecco ad esempio l’home page di un sito internet di un hotel a modo suo Bike oriented iscritto ad un portale bike: partiamo dalla sezione generica “attività” che non qualifica immediatamente al 100% la struttura come Bike e quindi in grado di soddisfare le esigenze ed aspettative dei ciclisti; per poi passare alle call to action: dove sono?

Esempio call to action bike hotel

Ecco invece un sito internet facile da navigare con call to action chiare e concise. Sì, abbiamo lavorato a questo progetto!

Esempio call to action

3# Essere mobile first

Lo sanno tutti ormai, il traffico da mobile ha superato quello da desktop. Per questo motivo è indispensabile pensare a come gli utenti con uno smartphone o un tablet in mano vedono tutti i contenuti del tuo sito internet. A questo punto dovresti pensare di eliminare tutto quel contenuto ed oggetti che da mobile non hanno molto senso e focalizzare le informazioni su pochi messaggi principali. In linea generale da mobile gli utenti hanno meno banda e anche meno tempo pertanto è fondamentale semplificare la navigazione.

Ecco un paio di esempi di una interfacce mobile semplici e facili da navigare.

esempio sito internet bike mobile

4# Raccontare storie

Le storie sono diventate ormai un imperativo. Lo dimostrano anche le diverse funzionalità implementate dai principali social network (Snapchat, Facebook, Instagram, Messenger). Gli utenti sono infatti curiosi di conoscere, scoprire dettagli, informazioni diverse dalla presenza o meno dell’ascensore nel tuo hotel. I ciclisti sono degli utenti curiosi, abituati a leggere, dalle riviste di settore alle esperienze di altri appassionati delle due ruote. Racconta quindi delle storie sull’esperienza Bike che è possibile effettuare nel tuo hotel, sul territorio e i percorsi, fiamma che accende l’anima di ogni ciclista.

È quindi fondamentale affidarsi ad un copywriter in grado di far innamorare con le parole gli utenti e portarli all’azione. Ma non un copywriter qualsiasi, un copywriter che parli il linguaggio bike. I ciclisti si aspettano tecnicismi ed espressioni gergali ben precise e tendono ad abbandonare il sito internet velocemente quando questi vengono a mancare, in quanto ti percepiranno come un hotel non in grado di soddisfare perfettamente le sue esigenze.

I servizi bike, quelli per accompagnatori non ciclisti, le offerte e le informazioni generiche del tuo hotel sono importanti ma vengono dopo.

Vediamo un sito internet Bike dove manca completamente il fattore esperenziale: ok altimetria e planimetria, ok informazioni tecniche sull’itinerario, ok il titolo, ma manca tutta la storia che incuriosisce il ciclista e lo spinge a dire “sì, è lì che voglio pedalare con la mia bici”.

Esempio copy bike hotel

5# Utilizzare immagini effetto WOW

Oltre alle parole anche il materiale fotografico che utilizzi nel tuo sito deve essere in grado di creare quello che chiamo effetto WOW, ovvero tutte quelle emozioni che si sviluppano in modo spontaneo e creano attenzione e stupore.

Esempio servizio fotografico bike

Che ne pensi? Questo è solo uno scatto del servizio fotografico che abbiamo realizzato per un cliente. Per caso hai detto “WOW”? Io sì… e tutt’oggi non vedo l’ora di pedalare lì con la mia bicicletta.

E adesso?

Hai avuto il medesimo effetto? Sono convinta di no.

La prima foto riguarda un servizio fotografico che abbiamo realizzato per un cliente, la seconda è una foto che ho acquistato su un portale di stock immagini: la differenza è palese. Vedere, infatti, è il primo passo per desiderare e acquistare. Per questo motivo le foto del tuo sito internet devono essere in grado di comunicare il sapore della fatica, l’adrenalina, senza tralasciare il panorama o semplicemente il gusto di pedalare in scenari unici al mondo (foto 1). Se le foto che utilizzi nel tuo sito internet non sono in grado di trasmettere emozioni e voglia di essere lì, non catturerai mai l’attenzione dei ciclisti.

Il materiale fotografico che utilizzi deve comunque essere coerente con la tua identità e con la storia che vuoi raccontare, evitando quindi messaggi contraddittori.

Ma non basta. I ciclisti vogliono vedere anche la “camera” dove depositeranno la loro amata bicicletta, ovvero la Bike Room.

È proprio dopo il panorama, l’esperienza Bike che è possibile vivere nel territorio circostante al tuo Bike Hotel, alla Bike Room, che vengono le foto della tua struttura alberghiera e delle camere. Non viceversa.

6# Presentare le offerte e pacchetti bike a regola d’arte

Offerte e pacchetti bike dovrebbero essere presentati e descritti come delle vere e proprie lettere di vendita o sales letter, ovvero lettere attraverso le quali il tuo hotel presenta il suo prodotto bike al target di ciclisti prescelto invitandoli a scegliere lui e non la concorrenza, annunciando quindi di essere capace di soddisfare le esigenze ed aspettative di quel target con una “promessa”, poi dimostrata. Per tale motivo non puoi improvvisare questo aspetto. Devi:

  • Essere chiaro su quello che offri e che devi far prenotare, rendi le cose semplici: scrivi cosa include e non include l’offerta o il pacchetto. Non dimenticarti degli accompagnatori non ciclisti;
  • Non fare promesse che non puoi mantenere: se una promessa è troppo incredibile viene percepita come impossibile, regola generale ma sempre valida;
  • Vai al sodo: il tempo è prezioso, non dilungarti in inutili discorsi che non interessano a nessuno;
  • Non dare la possibilità di uscire dalla pagina: se dai la possibilità di uscire dalla pagina gli utenti usciranno e li avrai persi;
  • Presentare il programma day-to-day: scrivi esattamente il programma giornaliero delle attività riservate ai ciclisti e quelle degli accompagnatori non ciclisti;
  • Call to action: devi espressamente dire ai ciclisti cosa vuoi che facciano: prenotare, richiedere informazioni, iscriversi alla newsletter per ricevere informazioni, etc.

Ecco un esempio di un’offerta bike presentata non esattamente come una vera e propria lettera di vendita. Mancano molte informazioni che interessano al ciclista; per citarne alcuni: la descrizione dettagliata del day-to-day, le attività per accompagnatori non ciclisti, gli highlights del pacchetto.

Esempio pacchetto bike hotel

Fammi sapere se ti ho dato qualche spunto interessante oppure condividi la tua esperienza!

In ogni caso buone pedalate, io ho già prenotato la mia mini vacanza bike!

Altro di Alice Marmorini

Come accaparrarsi i cicloturisti? Prima li conosci, meglio è

Il fenomeno del cicloturismo sta aumentando. I tour operator che si occupano...
Leggi tutto

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *